Secco Bertani Original Vintage Edition Bertani anno 2010 – 2016

Secco Bertani Original Vintage Edition Bertani anno 2010 – 2016

55,00115,00

Per acquistare più di una bottiglia contattateci attraverso il sito.

Svuota
COD: N/A Categoria:

Descrizione

Tipo Di Vino: Vino rosso
Vintage:
2010/2016
Denominazione:
Valpolicella (Veneto, Italia)
Cantina:
Bertani
Volume:
75cl
Uva:
CorvinaRondinella
Allergeni:
Contiene solfiti
Vol. Di Alcol:
13%

Vintage mai come in questo caso è una parola che spiega se stessa: Bertani cerca, trova e rinnova la ricetta del vino veronese famoso già nella seconda metà del Secolo Lungo, quando l’estetica, l’uso e le aspettative erano assai diverse.Bertani Valpolicella Secco Ripasso 2010 è un vino rosso de Valpolicella prodotto da Bertani a base di una selezione di rondinella e corvina di 2010 e il cui volume di alcol è di 13º.

Eppure la classe e il metodo sono forti e importanti al punto da regalare un bicchiere che fa dell’inattualità una caratteristica austera e ritirata, come quei nobili di campagna ancorati alle loro case senza acqua corrente e luce elettrica, ma capaci di annodarsi la cravatta in 36 modi diversi.

Il “Secco” è ottenuto per l’80% da vitigni classici veronesi, cui si aggiunge un saldo di Sangiovese e una traccia di Syrah e Cabernet Sauvignon. Viene affidato a fermentazioni spontanee “nella cantina Bertani” e riposato nelle grandi botti di ciliegio e castagno, uso quasi dimenticato di queste lande.

Il vino che s’infila in bottiglia, vestito della stessa etichetta degli anni ’30, è dichiaratamente inusuale, antimoderno, ma capace di risvegliare più di un sopracciglio: fosse per quel colore che resta vivido, brillante nelle scurezze, capace di accogliere la luce rubina fin dentro al cuore. Ha naso sferico, scolpito tra le complessità: facili i frutti, nascosti là dietro i  vegetalismi che vorresti attribuire a quelle parti di Cabernet, ritrose le spezie dolci, terminale il fondo di caffè. Spesso e prolungato, esala solo al finale uno sbuffo di cipria, dolce.

L’assaggio è corpulento, ma non rinuncia ad una compostezza che fa venire in mente i fisici massicci ma capaci  di movimenti aggraziati dei boxeur fin-de-siècle: non una passeggiata, con quel passo fitto di cacao e di ribes che rutila massaggiando energicamente le papille al suono degli alcoli. Il finale poi dilaga sul palato, umido e carnoso. Tannini come fili di tela di ragno, quasi invisibili ma tenaci, e presenti.

Bicchiere clamoroso, antistorico ma affascinante come i dischi in vinile. Ne vorrei una bracciata da dimenticare in cantina, per leggerne il futuro quando sarà passato.